Keep Calm and Be Futsal

Giovinazzo, poker al Cus Molise e salvezza blindata. Bernardo: “Ritorno stratosferico”

3 min read

Foto Ariane Zapalai de Moraes

Una vittoria, la nona stagionale, che certifica l’aritmetica permanenza del Defender Giovinazzo C5 in serie A2 Elite con quattro turni di anticipo (un obiettivo incredibile sino a gennaio scorso, quando i biancoverdi del presidente Carlucci erano in zona play-out) e permette di cullare il sogno play-off. Il risultato conclusivo di 4-1 con cui, nella ventiduesima giornata del girone B, i giovinazzesi hanno superato sul parquet del PalaPansini il Cus Molise, permette ai biancoverdi non soltanto di staccare il pass per il prossimo campionato nazionale, ma anche di agganciare al quinto posto, l’ultimo per la post-season, la Lazio – ora entrambe a quota 32 – rallentata in casa dall’Itria. Di Piscitelli, Fanfulla e Silon Junior, autore di una doppietta e di ben 20 gol stagionali, le reti dei padroni di casa.

Bernardo, privo di Fermino, Montelli e Palumbo, schiera dal primo minuto Di Capua, Piscitelli, Dibenedetto, Silon Junior e Fanfulla, mentre Sanginario si affida a Vinicius, Peralta, Di Stefano, Tiglia e De Nisco. Pronti, via, bastano tre minuti per vedere il potente tiro di Piscitelli, ben servito da Silon, superare Vinicius per l’1-0 dei biancoverdi. In pressione costante, i padroni di casa, raddoppiano un minuto più tardi con Fanfulla, baby terribile, che si libera con caparbietà in area e sfodera il 2-0. Sul fronte opposto Denisco colpisce un palo e in collaborazione con Triglia cerca di creare scompiglio in area avversaria, mentre Rappa si trova solo davanti a Di Capua, ma non è così cinico spedendo fuori la sfera. Implacabile, al 19′, è il solito Silon che duetta con Menini e fa partire il suo bolide che toglie le ragnatele dal sette per il 3-0 che manda le due squadre negli spogliatoi.

Primi minuti della seconda frazione di gara irrilevanti per la cronaca. All’8′, Roselli si procura una punizione e lascia l’incombenza a Silon che firma la sua doppietta personale con il solito tiro, 4-0. E partita ormai in ghiaccio. Gli attacchi sterili dei molisani portati avanti da Di Lisio si infrangono su un Di Capua in splendida forma, mentre sull’altro versante Silon prova a firmare la sua tripletta, invano. Di Lisio, invece, si fa ipnotizzare ancora una volta dell’estremo di casa. È bravo, invece, Triglia a tre secondi dalla sirena a trovare la sospirata marcatura per il 4-1 di chiusura. Sfortunati gli ospiti anche perché perdono per infortunio Vinicius negli ultimi 7 minuti.

«Abbiamo approcciato bene la gara, siamo passati in vantaggio abbastanza presto e poi abbiamo gestito il risultato – ha detto Bernardo – che ci ha permesso di blindare aritmeticamente la salvezza. A inizio gennaio eravamo in piena zona play-out e oggi (ieri), dopo un girone di ritorno stratosferico, abbiamo portato a casa il primo obiettivo stagionale. E non era affatto scontato». La vittoria sul Cus Molise ha portato i biancoverdi al quinto posto, in piena zona play-off, un traguardo impensabile sino ad un paio di mesi fa. «Adesso ce la giochiamo, mancano tre gare e noi dobbiamo ancora riposare, ma – ha promesso Bernardo -, faremo di tutto per portare più punti possibili a casa. Poi, se ci riusciremo, sarà una vero miracolo sportivo per come è andata la stagione», ha concluso.

A.S.D. G.S. Defender Giovinazzo C5 – A.S.D. Circolo La Nebbia Cus Molise 4-1
A.S.D. G.S. Defender Giovinazzo Calcio a 5: Di Capua, Greco, Menini, Piscitelli, Fanfulla, Silon Junior, Marolla, Dibenedetto, Rotunno, Roselli, Lobasso, La Notte. Allenatore: Bernardo.
A.S.D. Circolo La Nebbia Cus Molise: Vinicius Oliveira, Petrillo, Ferrara, Di Stefano, Arroyo, Di Lisio, De Nisco, Migliorini, Rappa, Pazienza, Triglia, Polisena. Allenatore: Sanginario.
Arbitri: Vallecaro (Salerno) e Viviani (Nocera Inferiore).
Reti: 3’ pt Piscitelli, 4’ pt Fanfulla, 19’ pt Silon Junior, 8’ st Silon Junior, 19’ st Triglia.
Ammonizioni: Marolla e Di Lisio per gioco non regolamentare.
Espulsioni: Nessuno.
Note: Spettatori 500 circa.

Seguici sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *