Keep Calm and Be Futsal

Virtus Romagna, continua la rincorsa ai play-off. Comandini: “Ogni match sarà decisivo”

Foto: Silvestri

La vittoria di domenica scorsa, ottenuta sull’Infinity Futsal Academy per 3-1, certifica il buon periodo di forma della Virtus Romagna, che continua la propria corsa ad un posto ai playoff.

Ora le virtussine hanno in testa il prossimo impegno, che le vedrà sfidare domenica prossima 7 aprile la Pol. 1980 in un derby che si prospetta già da ora combattuto e spettacolare.

Ma facendo un passo indietro, la vittoria virtussina ai danni dell’Infinity è arrivata grazie anche ad una grande prestazione di Serena Comandini, autrice di una doppietta: «È stata una partita nella quale abbiamo affrontato un avversario che dal punto di vista fisico era molto preparato. Eravamo riuscite a mettere la sfida subito nel binario giusto, con un gol segnato nei primi secondi, ma purtroppo non siamo riuscite a sfruttare questo vantaggio a pieno. Personalmente domenica non ho giocato al meglio delle mie possibilità, ma ho raccolto quello che in altre partite mi sarei meritata».

La giocatrice virtussina continua: «Sicuramente, e purtroppo, iniziamo a scontare la rosa corta a disposizione a causa dei tanti infortunati e in questa ultima partita abbiamo messo a dura prova le nostre energie mentali e fisiche. Come poi è venuto fuori dalla situazione del gol subito. Fortunatamente, abbiamo un gruppo molto forte ed unito che riesce nonostante le difficoltà a dare sempre il meglio e lottare fino alla fine per un unico obbiettivo: i playoff».

Le virtussine hanno quindi gioito nel poter sfruttare il weekend di riposo dovuto alla Pasqua: «Queste pause di campionato sono essenziali, ci fanno ricaricare le batterie e ci riempiono di energie positive».

Infine, Comandini conclude: «Non vedo l’ora di affrontare le prossime sfide, in quest’ultima fase di campionato c’è ancora tanto in gioco e ogni match sarà decisivo per la qualificazione ai playoff. A livello personale penso di avere ancora molto da dare e non vedo l’ora di poterlo dimostrare».

Seguici sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *