Keep Calm and Be Futsal

Arillo crede nella sua Italia: “Il gruppo sta crescendo, sono convinto arriveremo lontano”

Cambia la maglia non la sostanza. Il passaggio dal Napoli Futsal alla Sandro Abate Avellino ha ridato nuova verve ad Attilio Arillo, sempre più padrone assoluto della Serie A New Energy. Vicecapocannoniere (tra gli italiani) lo scorso anno con 19 centri – ma va considerato l’infortunio che lo ha tenuto lontano dal campo per parecchio tempo – già 20 quest’anno, a riprova di un feeling con il gol che nessun altro calcettista nostrano può vantare. Così anche la Nazionale Italiana torna ad essere il suo territorio di caccia.

ARILLO – “Indossare la maglia azzurra è sempre un onore. Ogni giocatore si prefigge degli obbiettivi calcistici e questo è sempre uno dei primi. Non vedo l’ora di indossarla nuovamente, per me è un onore portare in alto i colori dell’Italia.
Grazie alla riforma stiamo ammirando tanti ragazzi che meritano la Nazionale. E questo è merito anche del mister Bellarte che crede in tanti di loro, al di là della categoria e dell’età. Per quanto riguarda me, posso dirti che alla fine il lavoro paga sempre. Oggi mi trovo in una condizioni mentale e fisica perfetta e di questo sono molto contento. Ovviamente ciò è stato possibile grazie a tutti i miei compagni, allo staff e alla società: hanno creduto in me dal primo momento ed è stato molto più facile fare quello che sto facendo. In Nazionale ci sono già da un po’ di anni, mister Bellarte mi conosce bene e sa che per l’Italia darò sempre il massimo.
Questo gruppo sta crescendo molto. Spesso si guarda solo i risultati ma non è sempre così, bisogna guardare a tutto quello che il gruppo sta facendo. E il nostro ha fatto anche tante cose buone. Inoltre abbiamo cambiato tanto e questo non è un alibi ma la verità: ci vuole tempo. Ma sono convinto che alla fine arriveremo lontano, perché siamo un gruppo forte composta da uomini veri
“.

Seguici sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *